martedì 11 luglio 2017

In palude con Orelle


NOTE SINTETICHE ALL’ASCOLTO DEL DISCO
GENERE indie, jazz, pop
DOVE ASCOLTARLO (in parte o tutto) qui
LABEL Black Candy Records
CITTA’:  Bisceglie (BT)
DATA DI USCITA 28/04/17

L’INTERVISTA
Come è nato Argo?
Argo è nato quando abbiamo finito di registrare, l´idea del tutto è venuta strada facendo. C´era già, ovviamente, anche più di un´idea di quello che volevamo trasmettere con l´album ma il quadro complessivo l´abbiamo avuto solo alla fine. È nato dalla necessita di raccontare un´immagine sonora ben precisa, emotiva.
Perché questo titolo? … è anche il titolo di una delle canzoni più intense dell’album …
Argo rappresenta due posizioni e modi d´agire opposti nella mitologia: l´attesa ma anche la ricerca, il cane di Ulisse e la nave degli argonauti. Tutto questo rappresenta molto me in questo momento (ma anche sempre :D ) della mia vita ma può essere anche un paragone estendibile a chiunque viva con passione cioè che ha scelto di essere nella propria vita.
Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?
Non c´è stata una genesi ben precisa … infatti i pezzi  sono stati scritti in periodi (anni) diversi. Nasce dalla necessità ben precisa di fotografare e mettere nero su bianco un percorso durato più di un anno e mezzo, fatto di chilometri macinati e di live vissuti. Da qui la scelta di registrare il disco in presa diretta, con un trio jazz, per ricreare quel suono a tratti aleatorio e sospeso, a tratti più sporco e saturato, con poche sovraincisioni, che rimanda alle sonorità delle produzioni anni ´70, soprattutto nell´approccio.
Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione di Argo?
Ho ritrovato la bozza del testo iniziale di Argo. Pensavo di averla persa. Mi ha emozionata. Ricordo di averla scritta di getto, mi venne fuori come una specie di epifania :)
Se questo cd fosse un concept-album su cosa sarebbe? … tolgo il fosse? È …
Una sorta di odissea emotiva, tra un mare interiore ed esteriore. Mi piaceva l´idea di racchiudere un intero range di sensazioni e dare diversi punti di vista su un unico tratto emotivo e viceversa.
C’è qualche pezzo che preferisci? Qualche pezzo del quale vai più fiera di Argo?… che ti piace di più fare live?
Mi piace molto suonare Argo, è liberatorio, ma anche Linea d´aria, La stanza da tè e Polo nord.
Come è stato a livello produttivo fare il cd? Da chi gli apporti più importanti?
Le influenze sono molte e vengono fuori da tanta e tanta roba ma soprattutto dalla sfera sonora di musica strumentale, anche classica, o dalla Fiona Apple, Nick Drake e Nick Cave, Radiohead ecc.
Copertina magica e semplice allo stesso tempo. Come è stata fatta e pensata? … da chi?
Abbiamo pensato al concept e all´idea della sirena io e Serena Brattoli (in arte “gommapane”) ma realizzazione e fantasia sono sue :)
Come presenti dal vivo questo album?
In trio (io voce/contrabbasso), Domenico Cartago (piano), Luca Abbattista (batteria) ma delle volte anche con Gaetano Partipilo (sax).
Altro da dichiarare?
Sono felice e orgogliosa di aver fatto nascere Argo cosi com´è, con le persone giuste e al momento giusto della mia vita. Viva la bellezza pura in ogni cosa!
In un periodo storico cosi buio non si può che illuminare tutto sempre e solo con amore e arte.  Bellezza.

Etichette: , , , , , , , , , ,

8 Commenti:

Alle 11 luglio 2017 23:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Piacevole novità in palude questa sera con Argo di Orelle, disco per chi apprezza il cantautorato femminile pop in salsa jazz.

 
Alle 11 luglio 2017 23:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Orelle è l'intensa voce Elisabetta Pasquale (anche contrabbasso), con accanto Domenico Cartago (pianoforte/tastiere) e Luca Abbattista (batteria/percussioni). Insieme hanno costruito un originale disco composto da 12 perle intime, da ascoltare e riascoltare dall'inizio alla fine.

 
Alle 11 luglio 2017 23:06 , Blogger Alligatore ha detto...

Le mie preferite? Potrei dire tutte, ma sarebbe troppo facile, e allora dico ...

 
Alle 11 luglio 2017 23:09 , Blogger Alligatore ha detto...

... dico La stanza del tè, per me il pezzo più bello: piano/voce essenziale nella sua intimità, canzone d’amore da cantautori senza rime baciate. Vicinissima a questa la title-track Argo, autentico jazz indie-italico con vocalizzi da pelle d’oca, ancora il pianoforte e un testo molto personale.

 
Alle 11 luglio 2017 23:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Fili d’oro mi ricorda una giovane Cristina Donà, per l’atmosfera di pop carezzevole, arricchito dalla tromba e da una voce maschile accanto a quella di Elisabetta. Questo è forse il pezzo più elaborato e ricco di contributi.

 
Alle 11 luglio 2017 23:19 , Blogger Alligatore ha detto...

“Keep Quiet” è sensuale a tratti morriconiano, un brano senza tempo, mentre “Polo nord” potrebbe benissimo essere una puntuale cover degli Ustmamò.

 
Alle 11 luglio 2017 23:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Ma, come dicevo all'inizio, Argo è tutto da ascoltare.

 
Alle 11 luglio 2017 23:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Ascoltatelo e ditemi ...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page